Il massaggio linfodrenante

massaggio linfodrenante

Gambe gonfie, piene di cellulite? Non temere c’è la soluzione.

Segui una corretta alimentazione e pratichi sport, ma la odiosa cellulite e il ristagno liquido non se ne vogliono proprio andare? Allora gioca d’astuzia e combattila in tempo per l’estate grazie al massaggio linfodrenante.

Il massaggio linfodrenante ha lo scopo di sbloccare e far fluire nei canali la linfa che è presente nel nostro corpo, la quale viaggia parallelamente al sangue, e che ha l’importante funzione di purificare dei tessuti. La linfa attraversa il corpo passando per i cosiddetti linfonodi, cioè i filtri che, grazie all’azione dei linfociti, difendono l’organismo. Le manovre effettuate dalle mani del massaggiatore hanno quindi lo scopo di sbloccare gli eventuali nodi e offrire sollievo ai tessuti, “pulendoli” dalle scorie in eccesso.

Questo massaggio prende il nome dall’ideatore, un medico danese, Emil Vodder che insieme a sua moglie Estrid presentò questa tecnica ad un congresso di medicina a Parigi nel 1936. Il medico notò che massaggiando i linfonodi ingrossati sul collo dei propri pazienti, si potevano ottenere risultati sbalorditivi. Questo massaggio quindi riattiva la circolazione della linfa per eliminare le impurità nel corpo.

Prepara le tue gambe all’estate: il massaggio linfodrenante

Nel massaggio linfodrenante ci sono quattro manovre base: il movimento a cerchi fermi, fatti con le dita, serve per consentire lo spostamento della linfa (detto anche spinte circolari); il movimento a pompaggio, costituito da spinte guidate con le mani sovrapposte; il movimento rotatorio o a spinte rotatorie, che spinge il carico linfatico e infine il movimento erogatore per preparare la cute ad un nuovo movimento. I movimenti devono essere delicati e lenti, in quanto devono ristabilire il corretto flusso della linfa, e la pelle non deve arrossire durante o dopo il trattamento e il massaggio non deve provocare nessun tipo di dolore.

Dopo un massaggio ci si sente leggeri e sulle gambe si avverte un effetto analgesico. Il massaggio allevia il dolore e riesce ad agire direttamente sul sistema parasimpatico.

Il massaggio linfodrenante è valido non soltanto per combattere l’odiosa cellulite ma anche per risolvere problemi estetici della pelle come acne, cicatrici, malattie cutanee di tipo allergico. È un valido aiuto anche per il sistema immunitario; infatti massaggiare i linfonodi e muovere la linfa comporta la produzione e la circolazione degli anticorpi. Stimola inoltre il processo di cicatrizzazione.

La durata del trattamento varia dalla “gravità” della paziente. Normalmente un ciclo dovrebbe consistere in 10 sedute di un’ora circa, seguita da attività fisica che riattivi la circolazione come nuoto, camminata veloce, cyclette e da una alimentazione basata su verdura fresca cruda, frutta cercando di limitare alimenti grassi e pesanti.

Buon massaggio a tutti!

santuccirunning.it – All rights reserved

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER