Intervista a Mario Viola

“In certi allenamenti non voglio
nemmeno la mia ombra”

Intervista: 10 domande al runner

Mario Viola

  • Qual è stato il miglior allenamento della tua carriera?

  • Ormai accade da circa tre mesi che a fine allenamento mi ripeto: questo e’ il miglior allenamento di sempre…! Comunque per citarne uno .. 1h20′ con variazioni 10×1′ rec2′ + 10×1′ rec1′ apparentemente facile, ma gia’ dal riscaldamento il ritmo fu subito basso, a fine sessione fui consapevole della forza acquisita.

  • L’allenamento più duro che hai fatto?

  • Più che allenamento lo chiamerei tentato suicidio. Correvo da poche settimane e non avevo mai superato i 15 km di corsa (tapasciando), una domenica incontrai alcuni amici che erano in preparazione maratona, dovevano fare un lungo di 36km… Zitto zitto andai con loro incurante della distanza.. Al 25km diventai uno zombie ma portai a termine quella follia in 3h09′ ad un passo dal collasso!

  • Che percorsi prediligi fare in allenamento?

  • Mi alleno quasi sempre in percorsi pianeggianti, la pineta di viale dei tigli e’ la più gettonata.

  • Che tipo di allenamento preferisci?

  • Ho sempre detto che a me piace stare sempre al limite, ma ultimamente preferisco gli allenamenti rigeneranti! E li’ che rivivo le emozioni della corsa precedente e riparto per la prossima battaglia!

  • Ti piace più allenarti da solo o in gruppo?

  • Da solo, in certi allenamenti non voglio nemmeno la mia ombra.

  • Qual è stata la tua migliore gara?

  • L’ultima fatta, venivo dalla mia prima vittoria.. Poteva essere un arma a doppio taglio, ma ho dimostrato a me stesso di saper correre con le gambe e con la testa, centrando un ottimo 2 posto. Credo che chi ha seguito la mia gara si sia divertito! Maratona di Firenze subito dietro!

  • Quella più bella a cui hai partecipato?

  • Senza dubbio, Grand Prix delle forze armate a La Spezia! La mia prima Vittoria! Un’emozione immensa!

  • Un aneddoto relativo ad una gara?

  • Al 38° km della maratona di Firenze, andai in botta, il mio amico Gianni comincio’ a spronarmi ininterrottamente per 4100m, se avessi avuto una pistola gli avrei sparato, meno male che ero disarmato e grazie al suo sostegno arrivai in fondo facendo anche un ottimo esordio! In albergo mi tolse pure le scarpe perche’ non ero in grado di chinarmi! Grande Gianni!

  • Ci racconti un sogno che hai fatto relativo alla corsa?

  • Più che sogni, direi incubi! Per 2 volte nella notti precedenti alle mie gare più belle, ho sognato che partivano senza di me! Mi bloccavano al lavoro! Pero’ partivo ugualmente tentando disperatamente il recupero! Non sono mai riuscito a finire questo sogno….

  • Cosa ti regala la corsa?

  • La corsa ha il potere di “resettarmi” da tutto lo stress che ogni giorno mi logora! Mi ha regalato l’opportunità di conoscere nuovi amici e mi dona equilibrio nei momenti di difficoltà, molte decisioni importanti della mia vita, le ho prese subito dopo una bella corsa e guarda caso si stanno rivelando vincenti!

    Mario Viola al 38° km della Maratona di Firenze 2011

    Gianni Battolla lo aiuta a tenere alto il ritmo

Articoli correlati

Potrebbe interessarti anche...

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER