Laura Ravani protagonista in Francia

lunghe distanze

La forte atleta si distingue ancora con un’ottima prestazione in territorio francese

Un’altra tappa di avvicinamento alla 24 ore che si correrà il prossimo 20 Settembre a Burgg in Svizzera

La preparazione procede al meglio, adesso è previsto un periodo di scarico per presentarsi al via della 24h in piena freschezza

Un ringraziamento alla nostra atleta per l’impegno e la straordinaria meticolosità che mette in ogni allenamento

A seguire il racconto

 

Les 100 km des étangs de Sologne

(La 100 km degli stagni di Sologne)

Nell’ultimo fine settimana d’Agosto hanno preso il via in Francia, nella regione della Loira, la 100 e la 50 km km des étangs de Sologne, così chiamata per gli innumerevoli stagni che popolano questa zona. Io partecipavo alla 100 km, ultima gara in vista della 24 h..

Il percorso è molto piacevole, si snoda fra boschi, stagni, e qualche piccolo paesino francese, è contraddistinto da continui saliscendi e soprattutto dalla gentilezza dei volontari (250 per circa 250

concorrenti totali!) e dalle auto incontrate, che invece di offenderci come a volte capita, accostavano e attendevano pazientemente il nostro (lento, è pur sempre una 100 km) passaggio, spronandoci con

“Courage…bravoo..super”.

La gara era campionato nazionale francese per la 100 km, quindi molto sentita e combattuta..

Il regolamento permetteva un accompagnatore in bicicletta (da regolamento poteva fornire alimenti e bevande o altro strettamente nelle zone di ristoro, pena la squalifica), così il mio fido marito Alessio ha noleggiato una bicicletta tutta da ridere (da donna e pesante un quintale) e si è gustato la gara…a parte quando gli urlavo di stare zitto che sennò non mi concentravo….

Prima della partenza ci avvisano dell’ “allerta meteo”: dicono che sarà una giornata caldissima, tanto che da mezzogiorno in poi si potrà bere anche fuori dalle zone di ristoro.

Io, preoccupatissima per il caldo (all’ultima gara calda son andata giù tipo pera lessata) mi vesto leggera, pantaloncini corti e canottiera. Pessima idea.

Pessimissima. Alla partenza ci sono 10 gradi, e tali rimarranno fin’oltre le 13: la gara è praticamente tutta nel bosco, completamente all’ombra…insomma un freddo si moriva.

Tutto il tempo con le gambe irrigidite dal freddo tipo pinocchio, fermandomi più e più volte per massaggiarle e spalmarle di crema riscaldante che tragicamente era troppo vecchia per funzionare, con Alessio che continuava a dirmi, bello infagottato e col K-Way “Io non capisco perchè non ti sei portata i pantaloni al ginocchio..proprio non lo capisco”..Sgrunt.

Non lo capisco neanche io. Di solito mi porto via la casa, e stavolta una sola misera maglia in più!

Riesco comunque a arrivare in fondo e a segnare il mio personale: 9 ore e 22, 7° assoluta e prima senior. Sul palco mi premia e mi bacia il bellissimo presidente della lega francese di atletica..queste si che fa dimenticare il freddo!!! (Scherzo Ale :-))))

Laura

 

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER