Primavera, sole ed acquazzoni

Gli ultimi allenamenti di Aprile sono stati contraddistinti da condizioni meteo variabili

Ultimi allenamenti di Aprile

1) Oggi eravamo proprio un bel gruppone, il solo problema è stato che quelli che vengono di rado a correre con noi, hanno impostato al gruppo un ritmo di riscaldamento piuttosto allegrotto fino ai 4,5 km del viale e naturalmente non sono mancate le mie lamentele. Io i due Gianni di Spezia, Mirko e Massimiliano abbiamo corso 10×200 in scioltezza recuperando 1’30” per defaticare le gambe dalla gara di domenica, Alessandro anche lui doveva correre dei 200 un pò più lenti per rigenerare le gambe da 2 ore di collinare corso la domenica, Alberto doveva correre 3 serie di 2×300 in 56″/58″ con recupero di 45″ tra le prove e 3′ tra le serie, Simone doveva correre 2 serie di 2×200 in 34″/36″ e Cristiano aveva 1×2.000 da correre su 4′ che ha corso insieme Massimo (finalmente il Mister comincia a fare qualcosa anche lui!) e dopo 8×100 su 19″/20″. Marco doveva correre 5×400 su 1’16”, 1×3.000 al ritmo di 3’30” e ancora 5×400, Agostino aveva 1×3.000 da correre al ritmo di 3’30” ed ha approfittato dell’opportunità di correre con Marco, del resto quando si devono fare certe prove a ritmi piuttosto sostenuti condividere la fatica con qualcuno può rivelarsi producente per ottenere il risultato, solo per una questione di testa perché tanto le gambe ognuno ha le proprie! Come sempre il punto di ritrovo è stato alla Vietta e dopo esserci dissetati alla fontana siamo tornati allo stadio.

2) In questo periodo le temperature sono molto gradevoli, anche se c’è sempre il bastian contrario che si lamenta perché fa troppo caldo, speriamo solo che resistano fino alla fine dell’estate! Riscaldamento fino ai 4,5 km del viale, Alberto doveva correre 3×300 in 57″ e 6×100 veloci, Fabio aveva 5×300 su 1’/1’03” e 5×200 su 38″/40″, Francesca che ogni tanto parte da Sassi, paesino della Garfagnana vicino a Gallicano, e viene ad allenarsi insieme a noi, aveva 6×800 correndo i primi 600 mt in 2’24” e i 200 mt finali doveva correrli molto veloci, Cristiano aveva lo stesso lavoro soltanto che doveva fare solo 4×800 ed hanno lavorato insieme. Andrea e Mirko dovevano correre 8×500 in 1’45”, io dovevo correre 15×400 in 1’36” con recupero di 1′ che puntualmente non ho rispettato correndoli tutti su 1’30″/1’32” senza però accusare eccessiva fatica ma solo dolore al mio solito piede. Simone doveva correre 3×500 frazionai alternando 100 mt veloci e 100 mt più lenti, Ileana aveva un alternato con frazioni brevi, Massimo è tornato indietro controllando il lavoro dei ragazzi e ci ha aspettato tutti alla Vietta, dove, dopo esserci rinfrescati alla fontana siamo tornati allo stadio.

3) Siamo partiti accompagnati da lamentii vari a causa di doloretti sparsi in tutte le parti delle gambe e per aver mangiato troppo durante la passata festa della Pasqua, ma nonostante ciò il riscaldamento è stato piuttosto allegrotto. Arrivati ai 4,5 km del viale il tempo improvvisamente è cambiato, è arrivata una nuvola nera dai monti accompagnata da tuoni e in pochissimo tempo ha cominciato a piovere fortissimo giusto tutto il tempo che ci siamo allenati! Io, che sono stata ferma qualche giorno a causa del solito dolore al piede, insieme a Cristiano, reduce da una gara corsa il giorno precedente, Daniele e Massimo, abbiamo fatto solo un pò di corsa, Alessandro aveva 3×2.000 al ritmo di 3’50″/4′, Fabio doveva correre 1×3.000 al ritmo di 3’50” e 2×1.000 in 3’45”, Andrea e Gianni dovevano correre delle prove brevi a scendere, Alberto doveva correre 8×100 e 1×500 veloci, si è sgomentato subito, il pensiero di dover correre la prova lunga, veloce, lo preoccupava e invece ha corso benissimo tutte le prove chiudendo i 100 mt su 13″/14″ e il 500 che lo preoccupava tanto l’ha finito in 1’29”. Simone aveva 8×100 veloci che ha corso davanti ad Alberto ed un 400 finale corso in 1’01”! Mirko e Agostino dovevano correre 5×600 e 5×400 al ritmo di 3’20” seguiti a ruota da Massimiliano che aveva 5×600 e 5×400 da correre al ritmo di 3’30”. Durante il recupero si riunivano per ripartire tutti insieme. Marco doveva correre 1×3.000 al ritmo di 3′ 20″ e 6×300 in 57″ recuperati 45”. Ci siamo ritrovati alla Vietta belli rinfrescati dall’acquazzone, anche se ormai era tornato il sole, e siamo ritornati allo stadio.

Odette

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER