Un giorno iniziato di corsa


Ore 7e45
: sveglia con ritardo, un occhio fuori dalla finestra e…”che bello ha smesso di piovere!”…
Ore 7e46: preparazione caffè, bisogni mattutini, vestizione e… Ore 8e12: varco la porta… diluvio Ore 8e13: un minuto di titubanza…

Un giorno iniziato di corsa

 

Ore 7e45: sveglia con ritardo, un occhio fuori dalla finestra e…”che bello ha smesso di piovere!”….

Ore 7e46: preparazione caffè, bisogni mattutini, vestizione e ….

Ore 8e12: varco la porta e….. diluvio

Ore 8e13: un minuto di titubanza

Ore 8e14: ricerca kway e berretto

Ore 8e15: uscita

Ore 8e18: dopo 3 minuti di corsa la pioggia da forte diventa fortissima e il fatto di avere il kway traforato dietro non dava grosse garanzie di impermeabilità, i pantaloni erano ormai tutt’uno con la pelle e le scarpe dopo l’ennesimo bozzo facevano un rumore tipo “ciaf, ciaf,….”

Ore 8e19: dopo 4 minuti dubitavo quindi della mia sanità psicologica in quanto anche le auto procedevano lentamente vista la scarsa visibilità e le enormi pozzanghere createsi che anche io non sempre riuscivo ad evitare.

Ore 8e21: dopo 6 minuti e quindi poco più di 1 km dovevo decidere se girare a sinistra e quindi fare l’anello dei 3 km e quindi riproporre un allenamento serale (che a questo punto sarebbe stato l’anticipo del giovedì) e accantonare definitivamente l’allenamento di oggi (che in realtà era quello di ieri, cioè di martedì).

Ore 8e23: decido per girare a destra e quindi aprire uno spiraglio ad allenamenti sopra i 3 km ma non era ancor chiaro se ci sarebbe stato un bigiornaliero o meno…

Ore 8e25: siamo oltre i 2 km quindi la media è gia sotto i 5/km che considerato l’avvio a freddo e gli zig zag  significa che la sensazione di “gamba buona” è reale…..

Ore 8e27: altro bivio e ancora una volta si sceglie la via più lunga con l’idea di effettuare quindi o 6 o 8km in leggera progressione

Ore 8e35: siamo vicini ai 5 km e la mia insicurezza per la scelta effettuata comincia ad affievolirsi, le beta endorfine sono in circolo, mi affaccio sulla via Sarzanese da dove dovrei divincolarmi intorno al km 6 a favore della via sotto l’argine, meno trafficata e soprattutto segnata quasi in tutta la sua lunghezza….. ma questo non ci interessa più di tanto perché il garmin sta funzionando a dovere così come la radio teac sintonizzata per l’evenienza su radio capital anziché radio deejay (cavolo mi perdo platinette!).

Ore 8e43: finiti i 6 km di riscaldamento il garmin mi avvisa di iniziare a fare sul serio con la prima delle 10 variazioni di 90”, contestualmente imbocco appunto la via dell’argine e la pioggia è talmente rada che quasi non mi accorgo….. si aprono anche le nuvole e un raggio di sole ravviva la mia corsa

Ore 9e08: concentratissimo sul lavoro da fare le variazioni sono volate, inizia il defaticamento e le pozzanghere sono quasi sparite, un sorriso crescente accompagna questi ultimi minuti di movimento.

Ore 9e20: 15 km totali e arrivo al cancello di casa, tra 40 minuti devo essere al lavoro, forse ci scappa anche la colazione (in formato rapido) dopo una super doccia più che meritata…. Mi sento quasi un eroe e addirittura spero piova nelle prossime gare tanto ero a mio agio…..

Ore 9e40: check up dopo doccia, nessun dolore né a polpacci né a quadricipiti, non mi resta altro che attendere la sera per godermi real – juve dopo una giornata di lavoro con quel piccolo mattoncino aerobico in più aggiunto alla base della piramide 2008-2009

 

Grazie mister

 

Inviato da Alessandro Giannotti che qui vediamo in azione

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER