L’allenamento per i bambini (10-12 anni)

Allenamenti per bambini
Allenamenti per bambini

L’allenamento per i bambini (10-12 anni)

Quali sono le linee da seguire per allenare i bambini?

Obiettivo primario è sicuramente trovare un giusto compromesso tra divertimento e condizionamento. Non esistendo questo equilibrio si vanno a perdere i benefici che dovrebbero venire dall’attività. In questa fase bisogna sviluppare al massimo le capacità coordinative senza sottovalutare l’aspetto del corsa pura.

Riflessioni e indicazioni sull’allenamento giovanile.

L’ attività del giovane di età compresa tra i 10 e i 12 anni non può essere programmata in modo specifico in quanto ci renderemo conto della necessità di spaziare con la fantasia, alla ricerca delle più svariate forme di esercitazione verso tutte le specialità dell’atletica leggera. Ci saranno da cercare tutte le forme di espressione motoria con esercizi di mobilità e propriocettività utili allo sviluppo delle varie capacità.

A questo va aggiunta la necessità di non considerare i segnali dati dal bambino, in fatto di predisposizione verso una specialità specifica come un indirizzo preciso…è portato per…ma come una crescita positiva, ma sempre mutante.

È bene ricordare che solo verso i 14/15 anni cominceremo ad attribuire una direzione precisa verso il vero futuro del giovane atleta. È importante quindi da parte dell’allenatore la massima attenzione e l’uso della multilateralità come uno dei principi fondamentali.

È importante sapere che, a meno di eventi sconsiderati, la crescita delle capacità fisiche del giovane è assicurata dalla spinta di sviluppo evolutivo, quindi non ha bisogno di artifici di metodo che invece risulteranno fondamentali successivamente per compensare il rapporto tra la progressività evolutiva dell’atleta e la necessità di fare preparazioni più mirate.

I punti fondamentali, oltre alla multilateralità, per allenare un bambino in età compresa tra 10 e 12 anni sono:

Non ci deve essere un orientamento al risultato, ma al compito ( il bambino agirà per migliorare le proprie abilità secondo i criteri e le motivazioni personali)

Dai 6 ai 12 anni vi è una fase sensibile per quanto riguarda lo sviluppo della capacità condizionali della velocità: l’esecuzione degli esercizi deve avvenire a velocità massima con l’impegno rivolto alla rapidità e non alla tecnica, senza esagerare per non far insorgere un’eccessiva stanchezza, esempio 8” / 10”, e con esercizi variati per non creare stereotipi.

Tutto ciò che è fatto deve essere organizzato sulla base del divertimento e del gioco. Questo non annoierà il bambino che lo considererà come momento di gioco e di libertà dai compiti di scuola e da altro.

Metodi e strumenti da usare:

 Vortex: strumento didattico divertente, usato per la simulazione e conseguente avvicinamento al lancio del giavellotto, per avere un fischietto che suona durante il volo.

Salto in alto: mettere il bambino su uno scalino (non alto) e farlo cadere all’indietro, accompagnandolo nella caduta, sopra un materassino. Questo esercizio toglie la paura e aumenta la percezione di quello che accade alle sue spalle.

Salto con l’asta: preparare un campo di atterraggio sulla sabbia o erba con cerchi o zone a cui assegnare un diverso punteggio. Mentre l’adulto tiene perpendicolare al terreno e puntato in terra un bastone (es: manico di scopa), far prendere la rincorsa al bambino e vedere di farlo arrivare il più lontano possibile.

Corsa: piccole staffette, percorsi con ostacoli, slalom, e misto da fare a vari ritmi.

Introdurre progressivamente esercizi di andature quali skip,calciata ecc.

Esistono altri infiniti metodi, alcuni di fantasia, altri disponibili in libri che trattano la materia dell’allenamento giovanile.

 

Esempio di settimana tipo per un bambino di 10/12 anni.

Lunedì: 10′ corsa lenta   20′ di andature  un lancio un salto una corsa   5′ esercizi di allungamento (leggero)

Mercoledì: 10′ corsa lenta   circuito di corsa non superiore a 100mt da ripetere 10 volte recuperando 100mt a passo.

Circuito con ostacoli, passaggi dal sotto, slalom ecc.   10′ di gioco: calcio, pallamano…    Allungamenti

Venerdì10′ corsa lenta   10 volte 30mt corsi forti rec 2′    , 5′ recupero   un salto o un lancio   allungamenti

È importante ricordare che…

 “ TUTTI GLI ESERCIZI DEVONO ESSERE SVOLTI NELL’ASSOLUTA SICUREZZA E SOTTO GLI OCCHI DI PERSONE RESPONSABILI ”.

La crescita atletica del bambino è nelle nostre mani ed esso avrà più possibilità di diventare un buon atleta se riuscirà a sviluppare tutte le capacità senza crearsi stress e troppo affaticamento e se si sentirà considerato alla pari di tutti i suoi compagni di squadra, qualsiasi sia il suo livello.

 Santucci  Running

 

 

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER