Il metodo gara

calendario gare

 

Il metodo gara

 

 

Ad un gran numero di sportivi piace molto gareggiare perché ritrovano motivazioni e gioie profonde dettate dalla massima attivazione generale che viene richiesta durante la competizione.

 

Ma fa bene gareggiare spesso?

Quando e quanto?

La gara può diventare a sua volta un allenamento?

Ragioniamo su questi aspetti.

L’effetto del metodo della gara

L’uso del concetto di metodo della gara è legittimo solo quando, come procedimento metodico, viene utilizzata appositamente, una fitta successione di gare, sotto forma di un blocco di competizioni.

Ad esempio, per un corridore degli 800 metri, è usuale disputare in una settimana più gare, la maggior parte delle quali su distanze, maggiori o minori, ma comunque diverse dalla sua.

Con questo metodo, le gare vengono utilizzate come contenuti di allenamento, servono a sfruttare fino in fondo, il potenziale funzionale e, grazie ad una successiva fase prolungata di recupero, dovrebbero portare ad una supercompensazione elevata.

Per questo, il metodo della gara viene utilizzato esclusivamente come preparazione ai punti culminanti della stagione.

Attraverso il metodo della gara vengono addestrate esclusivamente le capacità speciali di resistenza.

Questo metodo, oltre ad un’elevata misura di specificità, serve anche ad acquisire esperienze e “durezza” in gara, a migliorare il comportamento tattico ed allo studio tattico dell’avversario.

Il particolare vantaggio del metodo della gara si fonda soprattutto sul fatto che si possono ottenere stati funzionali dei singoli sistemi altrimenti difficilmente raggiungibili, sia nel normale allenamento sia in test o controlli particolari della prestazione.

La partecipazione frequente alle gare, grazie alla completa sollecitazione di tutte le riserve psicofisiche di prestazione, contribuisce dunque, in misura notevole, ad un miglioramento dello stato di allenamento.

Inoltre per quegli atleti che si trovano già ad un livello elevato, questo sovrappiù di carico rappresentato dalle gare rende possibili ulteriori alterazioni dell’omeostasi, con i relativi, successivi, meccanismi di adattamento.

Infine, la gara rappresenta la forma specifica di controllo di tutti i fattori psicofisici che determinano la prestazione e permette di capire se la costruzione o i metodi e contenuti dell’allenamento utilizzati siano stati scelti correttamente.

Il metodo della gara rappresenta il metodo di allenamento più globale, in quanto addestra, contemporaneamente, tutte le capacità speciali necessarie per lo sport praticato.

Il trailer deve prendere questi concetti con la dovuta attenzione poiché la lunghezza e la durezza dei percorsi gara creano stress generali notevoli.

Il consiglio è di lavorare sulla varietà delle distanze, sulla flessibilità del ritmo e sull’ottimizzazione e la rotazione dei percorsi gara.

Le diverse caratteristiche dei tracciati possono regalare risvolti magici contribuendo all’ottenimento di un solido stato di forma in previsione della gara finalizzata.

di Massimo  Santucci  e  Dr. Marco Giambastiani

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER