Il CPK


Il CPK è rilevato attraverso le analisi del sangue. E’ un valore utile al podista poichè identifica la salute muscolare. Non c’è assolutamente da spaventarsi però se il dato è alto; dopo allenamenti impegnativi o gare è normale trovare un valore completamente fuori norma.
IL CPK


Il CPK è un enzima endocellulare contenuto prevalentemente nel tessuto muscolare, scheletrico e cardiaco e in piccole percentuali anche in quello cerebrale.

IL CPK catalizza lo scambio di fosfati tra la creatina e l’ATP svolgendo un ruolo fondamentale nelle funzioni energetiche cellulari.
Il suo valore viene analizzato attraverso le analisi del sangue.

I valori normali variano tra 10-70 U.I/L.
Quando questi valori superano di 5 o più volte la norma, c’e’ pericolo di miopatie, infarti del miocardio; con valori un po’ più bassi, che superano quindi di 2-4 volte i valori normali si rischiano cardiopatie, embolie, edema polmonare, ipotiroidismo, infarto
Queste alterazioni, colpendo il tessuto muscolare, spesso riguardano gli atleti in quanto il CPK è un enzima muscolare che aiuta la ricostruzione delle fibre muscolari quando sono danneggiate, quindi quando è superiore alla norma indica un danno muscolare.

Si possono avere manifestazioni di crampi.

Danila Bernieri

Da oltre 30 anni trasformiamo le persone in atleti esperti di Corsa su Strada, Maratona, Pista, Trail Running e Ironman.

RICHIEDI UN PIANO DI ALLENAMENTO
PERSONALIZZATO E RAGGIUNGI I TUOI OBIETTIVI

I NOSTRI PARTNER